Link alla prima parte

Disclaimer: Ci tengo a precisare che molte delle affermazioni a seguire sono frutto di miei collegamenti, di mie opinioni personali. Ricordo che questa parte è strettamente collegata alla terza.

L’argomento più discusso di The Untamed è stata la capacità dellɜ suɜ creatorɜ di “aggirare” la censura cinese – ma il drama è davvero così censurato?
Bisogna anzitutto sapere quali argomenti sono posti sotto censura in Cina – una risposta che possiamo trovare leggendo il documento del Giugno 2017 “Regole generali per la revisione del contenuto online audio-visivo.”[1] Come si può notare nel Capitolo IV, punto 6 assieme all’omosessualità vengono censurati altri elementi come l’incesto, i rapporti extraconiugali e la prostituzione – che sono gli stessi che andremo ad analizzare in questa parte.

Agli occhi di una persona occidentale, la relazione tra Lan WangJi e Wei WuXian somiglia più ad una bromance, ad una amicizia, piuttosto che ad una coppia romantica – ma a quelli di una persona allenata ai simbolismi asiatici, che conosce il cinese e che riesce ad andare oltre alla rappresentazione puramente carnale di una coppia LGBT, il romanticismo non è passato inosservato. Vediamo insieme i simbolismi più evidenti.

Il coniglio e Tu’er Shen

Nel drama, a differenza della novel, Wei WuXian trova i conigli durante il suo soggiorno a Meandri delle Nuvole, lasciandoli poi in custodia a Lan WangJi dopo la sua espulsione dagli studi nella dimora del clan Lan. A chi non conosce le divinità e i culti tradizionali cinesi, i conigli non sembrano altro che un filler tenero quando in realtà si tratta di un simbolismo abbastanza evidente: quello di Tu’er Shen (兔兒神), o Tu Shen (兔神), la divinità cinese degli omosessuali di epoca Qing (1636-1911). La leggenda racconta la storia di Hu Tianbao (胡天保), un uomo innamorato di un ispettore imperiale della provincia del Fujian. Dopo essere stato scoperto a spiare l’uomo, Tianbao viene condannato a morte. Una notte, appare in sogno ad un suo concittadino a cui confessa che una volta arrivato nell’aldilà, i funzionari lo hanno nominato divinità, in quanto la natura del suo crimine era l’amore sincero provato per l’ispettore.[2]

I conigli tornano di nuovo nell’episodio 6[3], nel 7[4.1] [4.2] e nel 39[5] come disegni sopra le lanterne, e nell’episodio 43[6] quando WangJi mostra a WuXian il gruppo (decisamente più numeroso) di conigli che in passato il ragazzo aveva lasciato in custodia all’altro. Addirittura vediamo una scena in cui due conigli si “baciano”.

Abbastanza chiaro quindi come i conigli in The Untamed siano un’allegoria dell’omosessualità degli WangXian.

I polli

Nell’episodio 36[7], un Lan WangJi davvero ubriaco cerca di dare due polli a Wei WuXian, assicurandosi che a quest’ultimo vadano bene e siano ben grassi, quindi in salute. Wei WuXian, con espressione comica, guarda Lan WangJi preoccupato e lo asseconda.

Anche questa scena può sembrare solo un filler comico, ma il gesto di regalare un pollo ad un’altra persona ha un significato ben oltre il comico. Nelle tradizioni di alcune minoranze etniche cinesi, come quella Dai o Yi[8], infatti il pollo è un simbolo collegato al matrimonio da secoli. La storia di The Untamed è ambientata nella Cina antica, quindi la scena comica di Lan WangJi e dei suoi polli grassi forse non è lasciata al caso.

La fascia di Lan WangJi

Questo simbolismo è quello più evidente e palese agli occhi di chiunque, anche di chi non conosce la cultura cinese, perché il suo significato viene spiegato da Lan WangJi stesso nell’episodio 6[9]: è una fascia sacra che può essere toccata solo dalle persone della famiglia e dal proprio partner. Più avanti nell’episodio[10], i due si ritrovano all’interno di una grotta sotterranea vicino una famosa sorgente di Meandri delle Nuvole, scoprendo che si tratta della dimora di un membro del clan Lan, un guqin (strumento musicale tradizionale cinese) troneggia su un tavolo di ghiaccio – è un luogo sacro al clan, come Wei WuXian e Lan WangJi capiscono non appena il primo non riesce ad avvicinarsi allo strumento senza essere spinto via da una forza magica che esce proprio dal guqin. Wei WuXian ha un’idea che Lan WangJi asseconda poco dopo: avvolgere il suo polso con un’estremità della fascia sacra del ragazzo. È palese quindi come il “freddo” WangJi sia già innamorato così profondamente di WuXian dal lasciargli toccare la propria fascia – e non sarà l’unica volta.

La scena nella sala ancestrale

Una scena molto significativa ma passata inosservata agli occhi dellɜ spettatorɜ è quella nella Sala Ancestrale del clan Jiang, nell’episodio 46[11], presente anche nel capitolo 87[12] della novel Mo Dao Zu Shi e che The Untamed ha adattato.

Mentre si trovano ad Approdo del Loto, Wei WuXian porta Lan WangJi nella Sala Ancestrale dove riposano i suoi genitori adottivi Jiang FengMian e Yu ZiYuan, così da poter rendere loro gli omaggi bruciando l’incenso – ma prima di ciò, si vedono i due inchinarsi per tre volte davanti l’altare. Per chi non conosce le tradizioni cinesi, questa scena non è altro che un segno di rispetto verso i genitori adottivi di Wei WuXian, ma significa molto di più: i tre inchini sono infatti una parte degli antichi rituali per il matrimonio tradizionale cinese. In particolare nell’epoca Song (960-1279), il beitang (拜堂) rappresentava la parte fondamentale del matrimonio, in cui la sposa si inchinava tre volte assieme al futuro marito: il primo inchino era riservato al Cielo e alla Terra, il secondo ai genitori e agli antenati, e il terzo era riservato agli sposi, che si inchinavano l’uno di fronte all’altra in segno di rispetto[13], un gesto molto simile allo scambio delle fedi nel matrimonio cattolico. L’importanza del gesto degli WangXian viene confermata dalla rabbia di Jiang Cheng, fratello adottivo di Wei WuXian, che compare poco dopo dietro di loro, visibilmente adirato che il fratello si sia permesso non solo di disturbare il riposo di Jiang FengMian e Yu ZiYuan, ma soprattutto di aver portato con sé Lan WangJi.

I semi di loto

Sempre nell’episodio 46[14], Lan WangJi tiene tra le braccia Wei WuXian svenuto, e insieme a Wen Ning, si allontanano da Approdo del Loto con una piccola barca, finendo tra i fiori di loto che popolano le acque di Yunmeng. Quando Wei WuXian si sveglia, i tre mangiano i semi dei fiori colti attorno a loro, e WangJi ne offre uno a WuXian. Il gesto è molto romantico e l’espressione confusa di WuXian (la stessa della precedente scena dei polli) lo conferma, ma c’è un altro significato dietro questa scena. In Cina, semi di loto si pronuncia lianzi (莲 籽) che è omofona a lian 连 “continuo”, e zi 子 “bambinǝ”: regalare semi di loto, quindi, significa augurare una prole numerosa.[15]

Come citato ad inizio articolo, altri tre topic sotto censura ma presenti in The Untamed sono la prostituzione, i rapporti extra-coniugali e l’incesto. Descriverò in breve le tre scene in questione.

La prostituzione


Nell’episodio 45[16] vengono introdotti i personaggi di Si Si e Bi Cao. Si Si è una prostituta che racconta la propria esperienza traumatica per denunciare l’attuale leader del clan Jin, Jin GuangYao. Racconta di come quest’ultimo abbia comprato un gruppo di prostitute affinché avessero un rapporto sessuale con l’ex leader Jin GuangShan talmente estenuante da portarlo alla morte.

I rapporti extra-coniugali

Attraverso le memorie di Jin GuangYao nell’episodio 49[17], vediamo gli unici due baci in tutta la serie: quelli tra il padre Jin GuangShan e una jisheng (妓生, intrattenitrice/concubina). Infatti, nonostante vi siano numerose coppie mostrate nel drama (Wei Wuxian e Lan WangJi, Jiang YanLi e Jin ZiXuan, Jiang Cheng e Wen Qing, Yu ZiYuan e Jiang FengMian), nessuna di queste si scambia baci, ma solo sguardi. Questa scelta marca ancora di più come le coppie romantiche in The Untamed non abbiano bisogno di effusioni, e che sono tutte alla pari – al di fuori di Jin GuangShan, che invece dimostra l’esatto opposto ed è dipinto come uno degli antagonisti nel drama.

L’incesto

Citato nell’episodio 45[18] dalla domestica di Qin Su, Bi Cao, viene introdotto nel drama anche il tema dell’incesto: Jin GuangYao ha infatti sposato la propria sorellastra Qin Su nonostante fosse consapevole del legame di sangue che li univa. Seppur nelle puntate successive Jin GuangYao provi a giustificare il proprio matrimonio, riversando sul padre tutte le colpe, viene contrastato dall’opinione pubblica prima e da Lan XiChen dopo, che condannano apertamente un atto del genere.

Come abbiamo potuto notare, la sceneggiatura di The Untamed si è mossa bene all’interno della censura senza però togliere nulla al cuore stesso della storia, usando stratagemmi e simbolismi propri della tradizione cinese, molti dei quali presenti nella novel stessa.

Continua nella terza parte.